Tutela della Biodiversità

Il Comune di Calenzano da diversi anni persegue una strategia congiunta di governo delle risorse territoriali e di sviluppo locale, finalizzata alla salvaguardia attiva ed alla valorizzazione sostenibile del territorio rurale e periurbano; tale strategia trova nella costruzione di un sistema agroambientale autosostenibile di prossimità l’elemento chiave per il congiunto conseguimento di obiettivi di resilienza del territorio e di tutte le sue componenti ai cambiamenti climatici, nonché di salvaguardia e miglioramento delle condizioni di vita e salubrità del proprio territorio.

Diverse sono le iniziative avviate a livello locale su ampie e complesse tematiche che vanno dalla tutela e valorizzazione della biodiversità olivicola, apicoltura urbana, alla diffusione di un’agricoltura biologica e sostenibile con la creazione di un futuro Distretto Biologico, al consumo consapevole con reti di filiera corta.

Schema progetti:

schema

 

  • Progetto Distretto Biologico Multifunzionale

Un percorso avviato dal 2020 dall’Amministrazione Comunale in collaborazione con l’Università degli Studi di Firenze – Facoltà di Architettura – Dipartimento di Architettura (DidA), per la costituzione di uno strumento di governance condivisa ed intersettoriale, che definisce una serie di principi che generano le basi per ri-progettare l’intero sistema agro-alimentare in chiave sostenibile, con linee di intervento di carattere multi-obiettivo e azioni mirate all’agricoltura, al paesaggio e al territorio, attraverso la strutturazione di sistemi agricoli resilienti ai cambiamenti climatici, che conservano la biodiversità e invertono il trend di degrado del suolo grazie all’utilizzo di pratiche biologiche sostenibili.

timeline biodistretto

Report Biodistretto

 

  • Progetto territori resilienti – La Biodiversità come strumento di pianificazione

Un percorso avviato dal 2020 dall’Amministrazione Comunale in collaborazione con il Consiglio Nazionale delle Ricerche – Istituto per la Bioeconomia (CNR-IBE), attraverso l’identificazione di piante di olivo autoctone, con caratteristiche che ne hanno permesso un adattamento ottimale al territorio, la produzione dell’Olio delle Terre di Calenzano, lo studio e la salvaguardia della biodiversità grazie al coinvolgimento attivo di diversi attori come aziende agricole, olivicoltori, bambini e ragazzi delle scuole e la cittadinanza, “tasselli” importanti per un buon governo del territorio.

timeline biodiversità

Report Biodiversità Olivicola

 

Puoi trovare questa pagina in

Aree tematiche: Ambiente
Ultimo aggiornamento: 24/05/2022 16:49.06