Lettura per tutti, progetto al primo posto nella graduatoria nazionale

Finanziamento di 50mila euro dal Mibact. Progetto condiviso delle biblioteche di Calenzano, Scandicci, Sesto Fiorentino e Lastra a Signa

 

23 settembre 2021 – Si è piazzato al primo posto nella graduatoria nazionale il progetto “Biblioteca per tutti i sensi”, presentato dai Comuni di Calenzano, Scandicci, Sesto Fiorentino e Lastra a Signa nell’ambito del bando “Lettura per tutti” del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

Il progetto è stato presentato e sarà portato avanti dalle quattro biblioteche, con CiviCa di Calenzano capofila, e riceverà un finanziamento dal Mibact di 50mila euro.

È per noi una grande gioia essere arrivati primi a livello nazionale, con un progetto di integrazione e inclusione – hanno commentato i Sindaci e gli Assessori alla Cultura dei quattro Comuni -. Ora la nostra raccolta potrà essere ancora più inclusiva, così come i nostri servizi e i nostri progetti di integrazione. Ringraziamo il personale per il grande lavoro svolto, con professionalità e in brevissimo tempo. È stato fatto un grande lavoro progettuale, ci siamo confrontati con esperti e abbiamo cercato soluzioni capaci di rendere la lettura un’esperienza oltre ogni differenza e barriera fisica e culturale. Questo, insieme alla condivisione del progetto da parte di quattro biblioteche, è l’elemento che ha fatto la differenza e ci ha permesso di vincere”.

Il progetto prevede l’acquisto di ulteriore materiale destinato a ipovedenti o non vedenti - libri tattili o albi illustrati con simboli -, DSA – audiolibri e alta leggibilità -, disturbo dello spettro autistico e altre disabilità cognitive – libri in simboli. Anche i servizi verranno incrementi, per agevolare i non udenti nelle ricerche o per accompagnare nella scrittura e nella lettura con percorsi formativi, anche la segnaletica verrà adeguata in modo da essere comprensibile e leggibile per tutti e i sistemi multimediali verranno incrementati, allo scopo di integrare linguaggi diversi.

Saranno poi promosse attività per integrare i vari utenti, tanto che nessun materiale sarà a disposizione di una specifica categoria, ma rimarrà di libero accesso. Così, un libro tattile potrà servire anche a un bambino in età prescolare, così come un audiolibro potrà essere ascoltato da un anziano. Il progetto prevede inoltre la creazione di percorsi guidati, dedicati agli stessi utenti e con la partecipazione di associazioni, scuola ecc... per creare in proprio materiale inclusivo a disposizione delle biblioteche, come registrare un audiolibro, creare un libro tattile o tradurre un libro in simboli.

Tutti i progetti saranno realizzati con la collaborazione delle associazioni rappresentative dei soggetti interessati, che lavoreranno a stretto contatto con le quattro biblioteche.