Chiedere il contributo per il sostegno all'affitto

Chiedere il contributo per il sostegno all'affitto

Il contributo ad integrazione dell'affitto è  erogato sulla base di fondi messi a disposizione da Stato e Regione Toscana, con la compartecipazione del Comune, per aiutare i cittadini titolari di un contratto di locazione nel pagamento degli affitti. (Legge 09/12/1998 n. 431, art. 11).

Con Deliberazione della Giunta regionale 30/03/2020, n. 402, la Regione Toscana ha definito i criteri e le procedure per la ripartizione delle risorse economiche e l’erogazione del contributo.

Il contributo è calcolato sulla base dell’incidenza del canone annuo, al netto degli oneri accessori, sul valore ISE ed è poi rapportato al periodo di effettiva validità del contratto e alle ricevute presentate.

La domanda deve essere presentata al Comune di residenza entro i termini riportati nel bando comunale annuale.

Requisiti soggettivi

Per accedere al contributo sono previsti alcuni requisiti, tra i quali i principali sono:

  • essere residenti nell'alloggio per il quale chiedono l'erogazione del contributo
  • essere titolari di un contratto di affitto, regolarmente registrato, per l’alloggio dove hanno la residenza
  • essere in possesso di attestazione ISE/ISEE valida e con valore entro i limiti stabiliti annualmente.

Approfondimenti

Incompatibilità con altri contributi

Il contributo non è compatibile con altri benefici pubblici erogati a titolo di sostegno alloggiativi e relativi allo stesso periodo temporale.
 

Puoi trovare questa pagina in

Aree tematiche: Casa
Ultimo aggiornamento: 15/07/2021 10:12.05